[Vai direttamente ai contenuti della pagina] [Vai direttamente al menù principale] [Vai direttamente a utilità e strumenti di ricerca]

Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo

Civica Galleria del Comune di Torre Pellice (Torino)

sei in: archivio


 

Mostre ed eventi - Mostra antologica "Paolo Guasco 1964 - 2006"

Approfondimenti: l’amicizia di Guasco con Filippo Scroppo e la nascita della Galleria

Estratti dal testo di Andrea Balzola pubblicato nel catalogo della mostra.

Paolo Guasco era amico di Filippo Scroppo, si conoscevano da tempo, ma da quando si era trasferito a Torre Pellice lo frequentò spesso andando a trovarlo, lui ormai invalido, nella sua casa, fino alla sua scomparsa, nel 1993; e anche dopo fu un punto di riferimento per la vedova, Lucia Gallo Scroppo.

Uno dei temi centrali e ricorrenti delle conversazioni dell’anziano artista era il destino incerto della preziosa e cospicua collezione di opere d’arte contemporanee che lui (circa 400 tra dipinti, sculture, disegni e grafica) aveva raccolto durante cinquant’anni di instancabile attività organizzativa di eventi ed esposizioni a Torre Pellice e che poi aveva generosamente donato al Comune, ottenendo nel 1975 una delibera di costituzione della Galleria civica d’arte contemporanea che avrebbe dovuto ospitare quella collezione.[...]

[...]nel frattempo si erano liberati degli spazi che avrebbero potuto vedere finalmente nascere quella Galleria. Così ci decidemmo a fare un ultimo regalo a Scroppo, ma ancor più alla sua comunità di Torre Pellice: fondare un’Associazione, l’Associazione "Amici della Civica Galleria d’arte contemporanea di Torre Pellice" con lo scopo, assolutamente senza fini di lucro o di vantaggi di alcun tipo, di concretizzare finalmente il sogno di Scroppo: il 10 ottobre 1992 un notaio fu convocato per formalizzare l’iniziativa, a casa dell’anziano Maestro, nominato presidente onorario, presenti i soci fondatori Filippo Scroppo, Pino Mantovani presidente, Giovanni Ayassot, Margherita Bert, Mario Contini, Daniele Gay, Piero Gilardi, Paolo Guasco, Massimo Venegoni, e il sottoscritto [Andrea Balzola N.d.r.].

Il Comune assegnò i locali dell’ex istituto professionale Capetti come sede della futura Galleria, e l’associazione, con l’autorizzazione e il consenso dell’ente pubblico proprietario dei beni, si fece carico di reperire i fondi presso la Regione Piemonte, di restaurare, ripulire, fotografare, schedare e immagazzinare adeguatamente tutte le opere, di progettare l’allestimento dello spazio espositivo permanente e degli allestimenti temporanei, di avviare un’attività espositiva di rilievo nazionale con l’edizione di numerosi cataloghi (pubblicati dall’editore Franco Masoero di Torino, dal 1993 al 1998) e l’allestimento di numerose mostre, la prima delle quali fu inaugurata nel 1993, mentre nel 1994 fu dedicata una grande esposizione a Scroppo insieme a una significativa selezione delle opere della Galleria per la prima volta esposte nella sua sede definitiva (Filippo Scroppo e la Galleria d’arte contemporanea di Torre Pellice).

In tutta quest’attività il ruolo di Paolo Guasco fu determinante, silenzioso ma costante e puntuale, con un impegno a tutto campo e di grande flessibilità,[...]in uno spirito di servizio culturale per il bene pubblico completamente privo di tornaconti o interessi strumentali [...].



Utilità e strumenti

[Torna in cima alla pagina[0]]

Links

Mappa immagine che contiene i links che rimandano alla pagina iniziale ed al sito del Comune di Torre Pellice all’indirizzo: http://www.comune.torrepellice.to.it/

Homepage della Galleria Scroppo Homepage del Comune di Torre Pellice Loghi della Galleria Filippo Scroppo e del Comune di Torre Pellice, click su un logo per visualizzare le pagine correlate

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Informazioni ausiliarie

Sito realizzato con il contributo finanziario della Regione Piemonte

Progetto e realizzazione: www.simoneronfetto.com

|XHTML 1.0 Strict|CSS|

[[Torna in cima alla pagina[0]]]