[Vai direttamente ai contenuti della pagina] [Vai direttamente al menù principale] [Vai direttamente a utilità e strumenti di ricerca]

Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo

Civica Galleria del Comune di Torre Pellice (Torino)

sei in: archivio


 

Archivio eventi e manifestazioni: anno 2017


Mostra di Umberto Stagnaro "HIER STEHE ICH"

24 giugno - 10 settembre 2017

inaugurazione sabato 24 giugno ore 17:00

La locandina della mostra "HIER STEHE ICH" di Umberto Stagnaro

La locandina della mostra "HIER STEHE ICH" di Umberto Stagnaro

I 500 anni della Riforma non potevano non essere ricordati anche nella Civica Galleria Filippo Scroppo. La Galleria Scroppo è in una delle tre città che hanno ottenuto il riconoscimento di Città europea della Riforma.

La storia di Torre Pellice ci cala indiscutibilmente in questa importante ricorrenza che offre non solo momenti celebrativi ma anche e soprattutto momenti di riflessione e di studio.

Il fondatore della Galleria, Filippo Scroppo, da valdese pastore dell'arte quale era, avrebbe sicuramente organizzato degli eventi artstici per una ricorrenza così significativa.

In continuità e con la responsabilità di chi ha una grande eredità da gestire l'Assessorato alla cultura del comune di Torre Pellice in collaborazione con la Fondazione centro culturale valdese ha organizzato e promosso la mostra HIER STEHE ICH.

L'installazione di Umberto Stagnaro ci porta esattamente in questo clima di riflessione e di studio che i 500 anni della Riforma hanno diffuso nella nostra cittadina.

La mostra ha inoltre un'altra forte connessione celebrativa legata ai festeggiamenti per i vent'anni della Biblioteca civica Carlo Levi. Ecco perché accanto all'installazione Hier Stehe ich abbiamo la grafica dell'attività che Stagnaro ha svolto per l'Editrice Claudiana dal 1967 al 2011.

Questa mostra ha l'ardire di unire e contrapporre allo stesso tempo fede e lettura, storia ed arte, evidenziando l'importanza delle parole e dei testi.

L'Amministrazione di Torre Pellice ringrazia la Fondazione Centro Culturale Valdese per la compartecipazione alla realizzazione di questa mostra che ha l'ambizione di essere la sintesi dei festeggiamenti torresi per il 2017.

Marco Cogno, sindaco
Maurizia Allisio, assessora alla cultura

Approfondimenti & Materiali


Mostra "Carlo Levi: un volto che ci somiglia"

20 anni della biblioteca civica "Carlo Levi"

dal 25 febbraio 2017 al 31 maggio 2017

La locandina della mostra "Carlo Levi: un volto che ci somiglia"

La locandina della mostra "Carlo Levi: un volto che ci somiglia"

2017: ventesimo compleanno della Biblioteca civica "Carlo Levi" attigua alla Galleria civica Filippo Scroppo.

Levi e Scroppo amici uniti nel grande impegno di cambiamento democratico del nostro paese.

Per il comune di Torre Pellice la Biblioteca Levi e la Galleria Scroppo i due poli cuore della vita culturale della cittadina.

Per festeggiare il compleanno della Biblioteca ma anche e soprattutto per rendere omaggio alla scelta del nome di Carlo Levi l'Assessorato alla cultura del comune di Torre Pellice, con la preziosa e determinante collaborazione della Fondazione Amendola e Associazione Amici lucani, organizza la mostra Carlo Levi: un volto che ci somiglia.

Il pensiero di Carlo Levi si esprime in tutta la sua poliedricità tra letteratura e pittura, tra poesia, narrazione e saggistica, tra pensiero politico e pensiero  civile. Un intellettuale che ha saputo rappresentare con parole delicate e l'uso sapiente dei colori la storia del nostro Paese, in particolare i drammi del Sud e la lotta per la libertà. Un protagonista che ci ricorda la difficile strada percorsa dall'Italia per emanciparsi da una condizione servile e approdare alla consapevolezza di una nazione democratica.


Mostra Fotografica "Opposti non complementari" bambini nei concorsi di bellezza statunitensi e nei campi profughi libanesi

Fotografie di Barbara Baiocchi e Jean-Claude Chincheré a cura di Andrea Balzola

dal 22 ottobre 2016 al 7 gennaio 2017

La locandina della mostra fotografica "Opposti non complementari" bambini nei concorsi di bellezza statunitensi e nei campi profughi libanesi

La locandina della mostra fotografica "Opposti non complementari" bambini nei concorsi di bellezza statunitensi e nei campi profughi libanesi

La guerra siriana ha ucciso migliaia di bambini e quelli ancora vivi hanno perso tutto e sono stati costretti a fuggire e rifugiarsi nei campi profughi, soprattutto libanesi. Dall'altra parte del mondo, negli USA, sulla passerella di 25.000 concorsi di bellezza, simili a quelli dei cani, genitori ambiziosi presentano i loro figli agghindati e persino dopati come bambolotti kitsch. Due mondi opposti e lontani dove l'infanzia è negata dalla follia degli adulti.

Due giovani fotografi, due sguardi diversi e originali indagano l'infanzia, Barbara Baiocchi negli USA, guarda a colori le 'bambine' nel mondo dei concorsi di bellezza, chiede "questi bambini sono ancora bambini?". Jean-Jean-Claude Chincheré, guarda in bianco e nero, la vita dei 'bambini' siriani nei campi profughi libanesi, "questi bambini possono ancora essere bambini?".

Ed è nello sguardo di tutti questi bambini che il curatore Andrea Balzola vede "un'energia vitale... che oltrepassa le sbarre invisibili che li imprigionano" e seguendo "la stella di consapevolezza" espone il contrasto di questi due mondi 'opposti' almeno per la 'durata' della mostra. Sguardi che si offrono ancora una volta fiduciosi ai nostri sguardi.

La mostra non è solo un reportage. Grazie all'arte fotografica degli autori, che come scrive il curatore ". è quella particolare virtù epifanica che consiste nel rivelare est-eticamente il senso e i sentimenti celati nei frammenti di realtà" è testimoniata in questo percorso espositivo, che molto a che fare con la verità, come raramente accade.

Dopo la cura del volume sul teatro disegnato di Dario Fo, Andrea Balzola, propone una tematica che intreccia l'etica con l'estetica attraverso lo sguardo di questi due giovani promesse della fotografia e come sottolinea Maurizia Allisio, Assessore alla cultura del Comune di Torre Pellice, ci spiazza opponendo sguardi adulti in volti di bambini, e pose adulte in corpi di bambini.

Barbara Baiocchi, 1982. Dopo la laurea in Scienze Psicologiche dell'Intervento Clinico, sceglie la Fotografia. Frequenta l'Accademia di Fotografia John Kaverdash, si laurea in Arti Multimediali Interattive presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 2009 collabora con l'agenzia fotogiornalistica Prospekt.

Jean-Claude Chincheré, 1993. Laureato in Nuove tecnologie per l'arte all'Accademia di Belle Arti di Torino. È selezionato da MAGNUM di Parigi con il fotografo Jeròme Sessini, un Workshop con i video artisti Masbedo presso la scuola Holden di Torino, una Masterclass allo IED di Milano con Luca Bigazzi e un Master al Forte di Bard con il fotografo Jean Gaumy.


[Torna in cima alla pagina[0]]


Utilità e strumenti

[Torna in cima alla pagina[0]]

Links

Mappa immagine che contiene i links che rimandano alla pagina iniziale ed al sito del Comune di Torre Pellice all’indirizzo: http://www.comune.torrepellice.to.it/

Homepage della Galleria Scroppo Homepage del Comune di Torre Pellice Loghi della Galleria Filippo Scroppo e del Comune di Torre Pellice, click su un logo per visualizzare le pagine correlate

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Informazioni ausiliarie

Sito realizzato con il contributo finanziario della Regione Piemonte

Progetto e realizzazione: www.simoneronfetto.com

|XHTML 1.0 Strict|CSS|

[[Torna in cima alla pagina[0]]]