[Vai direttamente ai contenuti della pagina] [Vai direttamente al menù principale] [Vai direttamente a utilità e strumenti di ricerca]

Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo

Civica Galleria del Comune di Torre Pellice (Torino)

sei in: archivio


 

Archivio eventi e manifestazioni: anno 2016


DINOSAURI

di Ezio Gribaudo

dal 9 luglio 2016 al 4 settembre 2016

La locandina della mostra DINOSAURI di Ezio Gribaudo

La locandina della mostra DINOSAURI di Ezio Gribaudo

Dal 9 luglio al 4 settembre 2016 la Civica Galleria d'Arte Contemporanea Filippo Scroppo ospita la mostra Dinosauri di Ezio Gribaudo.

Ezio Gribaudo (Torino, 1929). Un artista, editore, collezionista, promotore culturale e viaggiatore instancabile che ha attraversato la storia dell'arte del XX secolo.

Un uomo che ha saputo raggiungere la notorietà internazionale senza perdere mai la sua libertà di pensiero. Ultimo riconoscimento internazionale dell'aprile 2016, a Los Angeles riceve il prestigioso premio alla carriera Lifetime Achvement Award, riconoscimento dell'eccellenza italiana nel mondo e assegnato a personalità quali Claudia Cardinale, Francis Ford Coppola, Ennio Morricone, Renzo Piano e altri.

Il legame del maestro Gribaudo con Filippo Scroppo, padre fondatore della Civica Galleria d'arte contemporanea di Torre Pellice, ed il coraggio e la caparbietà di un'amministrazione comunale determinata a portare avanti l'eredità lasciata da Scroppo hanno permesso l'allestimento della mostra Dinosauri.

Gribaudo nella sua lunga carriera artistica ha elaborato il tema delle memoria in ampie zone della sua opera.

Fruttero e Lucentini hanno affermato che se il passato dovesse darsi uno stemma, sceglierebbe il dinosauro come animale araldico.

L'idea dei dinosauri nasce dai suoi viaggi in Australia e Nuova Zelanda, ma soprattutto in un viaggio a New York con la figlia Paola. Visita l'American Museum of Natural History, mentre stavano allestendo una mostra di scheletri di dinosauri di 6 metri d'altezza. Questi scheletri colpirono Gribaudo che pensò Mah se venisse qui un sarto come Armani li vestirebbe. E Gribaudo ha rivestito questi animali usando tutte le tecniche, anche la juta, cercando di dargli un'impronta contemporanea.  I Dinosauri di Gribaudo sono stati in mostra a Milano alla Galleria Bergamini nel 1987, in occasione della quale Fruttero e Lucentini scrissero il libro Gribaudo Dinosaurus e successivamente nel 1993 uscì anche il volume edito da Fogola, I Dinosauri di Gribaudo

La Galleria Scroppo ha il piacere di poter riportare alla giusta visibilità le opere sui dinosauri che sono un nucleo classico e sempre attuale nel lavoro di Gribaudo.


ANIMALS

Il significato politico degli animali

dal 14 maggio 2016 al 26 giugno 2016

La locandina della mostra ANIMALS

La locandina della mostra ANIMALS

Dispute territoriali e dibattiti, zone protette e reinserimenti... i lupi stanno tornando, i cinghiali appaiono sulla nostra via nella notte, le balene muoiono sulle spiagge mentre la gente fotografa i loro corpi martoriati, senza le api non potremmo sopravvivere...

Siamo con loro e siamo loro, dividiamo un territorio sempre più ristretto senza potere fare a meno di loro, sono l'ago della bilancia della nostra civiltà.

Dalle pitture rupestri a Esopo, da Kafka a Cronenberg, da Orwell ai Pink Floyd, gli animali sono sempre stati utilizzati come la chiave di volta della nostra immaginazione. Proiezione delle nostre aspirazioni e delle nostre paure, ciò che siamo e ciò che vorremmo essere...

Una serie di opere inedite, realizzate dagli artisti apposta per l'esposizione, crea un percorso al cui interno si confrontano pittura informale e figurativa, soggetti mitologici, reali e allegorie; un filo rosso che unisce natura, cronaca e mito!

Diego Scursatone

Una delle opere della mostra ANIMALS

Una delle opere della mostra ANIMALS


CONTROTEMPO

Di Anna Lami

dal 26 marzo al 1 maggio 2016

Foto di Anna Lami

Foto di Anna Lami

Anna Lami con queste sue foto ci invita ad andare Controtempo , l'amministrazione di Torre Pellice accoglie questo suggerimento. In un tempo in cui l'arte ha le sue quotazioni sul Sole 24 e si creano grandi eventi espositivi più densi di marketing che di vera arte, Torre Pellice sceglie di andare controtempo promuovendo un'arte autentica, sincera e di territorio.

Con questa mostra si apre un nuovo tempo per la Civica Scroppo. Un controtempo che sarà contraddistinto dalla passione e dalla voglia del neo Comitato artistico di proseguire sulle orme di Filippo Scroppo. Un grazie a Pino Mantovani, Egle Scroppo, Davide Binello, Gabriella Peyrot e Diego Scursatone.

Insieme andremo Controtempo.

Il Sindaco: Marco Cogno
L'Assessora alla Cultura: Maurizia Allisio


Contro tèmpo/sostantivo maschile: lo spostamento degli accenti forti della battuta sui tempi deboli per dare un maggiore impulso dinamico alla frase musicale.

Cosa accadrebbe se una mostra avesse una colonna sonora?

Una melodia, un tema sonoro, un'interpretazione acustica che accompagni lo spettatore nel viaggio di una opera all'altra, creando connessioni, intessendo una narrazione, enfatizzando la visione, le idee e le sensazioni?

Da queste domande siamo partiti per concepire una mostra che potesse esaltare il concetto di controtempo pensato da Anna Lami.

Claudio Petronella, Co-curatore della mostra e speaker di radio Beckwith RBE


Questo è un invito ad entrare nel ritmo delle sfumature e delle relazioni; un invito al volo, ma anche al radicamento, all'orizzontalità.

In un'epoca dell'apparire, asfittica, frammentata e violenta come la nostra, questo passo di danza, contro tempo, fuori fase, quasi incorporeo, ma ostinato, si dedica... ai sogni, alla cura, all'accoglienza, all'onda, alla luna, al germoglio, alle radici, al sacro, al simbolico, all'assertività, al dubbio, al piccolo, al delicato, al dettaglio, allo yin ed allo yang.

Che questa danza trovi spazio in ognuna/o di noi...ché ad ognuna/o appartiene...

Ed in fine...

Questo è un movimento d'amore verso di te, papi, questi fotogrammi (im)mobili, sono dedicati a te... spero ti raggiungano, sono il mio grazie: sei tu che mi hai insegnato la magia del disegnare con la luce...

Anna Lami


LYMPHA

Nuove donazioni alla Civica Galleria d'arte contemporanea "Filippo Scroppo" di Torre Pellice - a cura di Andrea Lerda

dal 30 gennaio al 5 marzo 2016

Cartolina dell'evento

Cartolina dell'evento

Lympha, antica divinità romana delle acque fresche, era una delle dodici figure connesse alle fonti, alle sorgenti e ai pozzi, alle quali gli agricoltori e le genti romane rivolgevano le proprie preghiere, poiché senza acqua tutta l'agricoltura è secca e povera.

Lympha dunque come sinonimo di vitalità, di carica propulsiva, di crescita perenne e di costruzione del futuro.

Lympha, 2016, veduta della mostra

Lympha, 2016, veduta della mostra

Il termine, che dà il titolo alla mostra, è inoltre un deliberato richiamo all'opera Sculture di Linfa, realizzata nel 2007 da Giuseppe Penone e presentata all'interno del Padiglione Italiano della 52° Esposizione Internazionale d'Arte a Venezia. Il lavoro di quello che è certamente uno dei più importanti artisti italiani contemporanei, trova anch'esso una suggestione poetica nella linfa quale nutrimento della terra per eccellenza.

Lympha, 2016, veduta della mostra; a destra Mauro Benetti, Museo dell'Innocenza, 2008-2009

Lympha, 2016, veduta della mostra; a destra Mauro Benetti, Museo dell'Innocenza, 2008-2009

In quanto simbolo carico di energia ed elemento vitale che scorre, questa figura si è rivelata come la più adatta per introdurre e per proporre un percorso di mostra che presenta alcune delle opere recentemente donate alla Civica Galleria d'arte contemporanea "Filippo Scroppo" di Torre Pellice.

Come l'acqua è essenziale alla vita, così le opere sono nutrimento per l'arte.

A sinistra Filippo Scroppo, Infiorescenza 2, 1974; a destra Mario Merz, Cespo di Monte, 1963

A sinistra Filippo Scroppo, Infiorescenza 2, 1974; a destra Mario Merz, Cespo di Monte, 1963

I recenti lavori entrati a fare parte della collezione (in mostra ne vengono presentati solamente una parte, per evidenti ragioni di spazio) costituiscono allora la medesima linfa vitale che permette a un albero di germogliare, ancora.

Nell'intento di creare un trait d'union tra passato e presente, ad ogni nuova opera (a sinistra) ne è stata associata un'altra (a destra), già parte della collezione della Civica Galleria, con la quale si ritiene che possa esistere un dialogo interessante, a livello formale, estetico o concettuale.

A sinistra Daniele Fissore, Video Spento 2010; a destra Franco Rasma, Statale A1, 1976

A sinistra Daniele Fissore, Video Spento 2010; a destra Franco Rasma, Statale A1, 1976

Il ringraziamento va a tutti i donatori che ad oggi hanno contribuito ad arricchire, con il loro generoso contributo, la collezione della Civica Galleria d'arte contemporanea "Filippo Scroppo" di Torre Pellice.

A sinistra Ugo Giletta, Volto, 2007 ; a destra Mario Merz, Figura, 1958

A sinistra Ugo Giletta, Volto, 2007 ; a destra Mario Merz, Figura, 1958

Artisti e opere in mostra

  • Mauro Benetti, Museo dell'innocenza, 2008-2009
  • Vittorio Boggeri, Germinazione, 1983
  • Cesare Botto, On the way, 2008
  • Orietta Brombin, Promemoria I, 2004
  • Francesco Casorati, Il pescatore, 1974
  • Gianni Colosimo, Ultimo frammento onirico di un cuore bizantino infranto, 2009
  • Daniele Fissore, Video Spento, 2010
  • Ugo Giletta, Volto, 2007
  • Carlo Giuliano, Senza titolo, 1976
  • Giorgio GRiffa, Senza titolo, 1980 circa
  • Mario Merz, Cespo di monte, 1963; Figura, 1958
  • Giordano Montorsi, Crossing, 2004
  • Guido Navaretti, Ofelia, 1996
  • Bruno Polver, Fra le foglie in autunno, 1974; La valle di sera, 1964
  • Paolo Paschetto, La Santa Chiesa Universale, 1982
  • Franco Rasma, Statale A1, 1976
  • Filippo Scroppo, Senza Titolo, 1973; Evoluzione Cosmica, 1972; Infiorescenza 2, 1974
  • Luigi Spazzapan, Figure, 1950 circa.

[Torna in cima alla pagina[0]]


Utilità e strumenti

[Torna in cima alla pagina[0]]

Links

Mappa immagine che contiene i links che rimandano alla pagina iniziale ed al sito del Comune di Torre Pellice all’indirizzo: http://www.comune.torrepellice.to.it/

Homepage della Galleria Scroppo Homepage del Comune di Torre Pellice Loghi della Galleria Filippo Scroppo e del Comune di Torre Pellice, click su un logo per visualizzare le pagine correlate

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Logo della Regione Piemonte

Informazioni ausiliarie

Sito realizzato con il contributo finanziario della Regione Piemonte

Progetto e realizzazione: www.simoneronfetto.com

|XHTML 1.0 Strict|CSS|

[[Torna in cima alla pagina[0]]]